Tutti abbiamo una caratteristica o sappiamo fare qualcosa che ci rende speciali.

Il personal branding è l’insieme delle strategie che individua ciò che rende un professionista unico e ne definisce la comunicazione più efficace.

La nostra presenza online, le azioni che mettiamo in atto, le immagini che scegliamo per raccontarci, formano la nostra reputazione digitale, che diventa la ragione per cui qualcuno ci sceglie come collaboratore o come punto di riferimento.

In quest’ottica la ragione che porta un cliente a volere proprio noi, i nostri prodotti e servizi, è strettamente legata al modo di comunicare e raccontare il nostro lavoro e alle strategie che individuiamo per differenziarci dai nostri competitor nella grande giungla del web.

Quindi analizzarci, riflettere sulle nostre competenze e passioni è importante per essere scelti, in particolare in questo determinato momento storico in cui la presenza online è fondamentale; riassumendo, comunicare la nostra unicità professionale è essenziale per essere visti e presi in considerazione dai nostri potenziali clienti.

E qui arriva in aiuto il personal branding fotografico, che ha come scopo la creazione di un’immagine assolutamente personalizzata, unica e coerente di noi, del nostro brand o marchio.

Nello specifico il personal branding fotografico serve per:

  • raccontare la nostra storia o quelle della nostra impresa,
  • creare una maggiore connessione con i nostri clienti attuali e potenziali
  • distinguerci dai competitor
  • aumentare la riconoscibilità del nostro nome o marchio
  • presentarci attraverso un’immagine aziendale professionale

Niente è affidato al caso, le immagini arrivano in maniera chiara e immediata, sono il lasciapassare che apre la porta a nuove opportunità lavorative, creano connessioni, aumentano la notorietà e la percezione che gli altri hanno di noi e del nostro brand.

Ne abbiamo parlato durante il webinar “Yourself: Personal Branding Fotografico” condotta da Marzia Bondoli Nielsen, che ha visto una grande partecipazione di fotografi, liberi professionisti e creativi digitali.